Libri e DVD

Musica dei Popoli,
viaggio nella musica tradizionale del mondo
a cura di Leonardo D’Amico

LIBRO 336 pp
290 schede sui gruppi musicali
€ 24,00 ISBN 88 7615 112 5

DVD-Video/120 minuti di musica e immagini

© FLOG Soc. Coop. a.r.l.
© Atlasmundi.com Srl
© Alberto Castelvecchi Editore Srl

Per comprare il libro telefona a F.L.O.G. Soc.Coop.

Trent’anni fa, per iniziativa della FLOG (Fondazione Lavoratori Officine Galileo), nasce il Centro FLOG Tradizioni Popolari che grazie ad una visione della cultura aperta e curiosa ha dato vita al festival Musica dei Popoli.
Una intuizione che ha mostrato di essere lungimirante e che, molto prima della diffusione della world music, si lancia alla scoperta del patrimonio mondiale rappresentato dalla musica dei “popoli”. Questo libro vuole raccontare e celebrare la storia di questo festival, che quest’anno giunge alla sua trentesima edizione, e le storie dei suoi protagonisti (cantanti, musicisti e ballerini) venuti da tutto il mondo.
Questo corpus di culture che il festival ha celebrato con più di 300 concerti è raccontato in questo libro con dodici introduzioni di esperti etnomusicologi organizzate in forma geografica, 290 schede sui gruppi musicali e in un DVD-Video con una selezione di brani per un totale di 120 minuti di musica e immagini.

Musica dei Popoli ha sempre suscitato emozioni nuove e sorprese nel pubblico che ha partecipato con fedeltà al festival in questi anni. Per tutti è sempre stato una fonte di nuove scoperte. Musica dei Popoli ha portato a Firenze in questi anni, incontri con musicisti, cantori e ballerini che provenivano da ogni angolo della terra, ciascuno portatore di una conoscenza diversa, una ampia modulazione dell’ancestrale rapporto tra l’uomo e la musica. Andare ad un concerto e scoprire un mondo che viene di lontano che è così ricco di valori umani che si esaltano nelle profonde differenze culturali.
Scoprire così che la voce non è solo come ci sembra di conoscerla ma che può essere modulata in mille modi producendo suoni e melodie che vibrano ad ogni livello.
Scoprire il canto armonico, per esempio, dove l’artista “canta” due suoni contemporaneamente e che le stesse generano un terzo suono armonico.
Il corpus di queste conoscenze orali, delle capacità manuali nel costruire e suonare strumenti, dell’insieme delle conoscenze musicali che ogni popolo ha in se ed è in grado di esprimere, fino a quando non viene distrutto o estinto, sono un patrimonio dell’umanità di grande valore, carico di significati per la comprensione delle culture. Anche la sola apertura mentale verso l’esistenza di una tale varietà di musiche, linguaggi, ritmi, movimenti, giochi è una ricchezza di cui continueremo ad avere bisogno.
L’azione del Centro FLOG e del festival Musica dei Popoli è stato non solo un contributo attivo nella salvaguardia ma anche un forte impegno nel far prendere coscienza dell’importanza culturale di questo patrimonio immateriale che si può paragonare alle grandi e piccole opere architettoniche del passato.

Crediti

Direzione artistica Musica dei Popoli
Leonardo D’Amico

Direzione e progetto editoriale
Francesco Mizzau

Testi introduttivi ai capitoli di: Leonardo D’Amico, Stefano Zenni, Ignazio Macchiarella, Giovanni De Zorzi, Alberto Ikeda, Gilberto Giuntini, Feza Tansug.
Testi e schede di presentazione degli artisti di: Leonardo D’Amico, Paolo Scarnecchia, David Evans, Cinuçen Tanrikorur, Jean During, Manana Akhmateli, Roberta Tucci, Ignazio Macchiarella, Francesco Salis, Franco Dell’Amore, Antonio Baldassarre, Maria LaVigna, Francesco Spagnolo, Lorenzo Pallini, François Picard, Renzo Vescovi, Giuseppe Vigna et al.

Fotografie: Alessandro Botticelli, Maurizio Mancuso, Giulio Meazzini, Carlo Razzolini, Enrico Romero, Mario Serni

Progetto grafico
tamassociati, Venezia

Redazione
Mariateresa Di Palma, Patrizia Puggioni

Ricerche iconografiche
Antonella Mizzau

Produzione e software sito Web www.musicadeipopoli.it
Francesco Bonomi, Marcello De Vita