it’s Monk Time

    • Time - 21.00-23.00
    • Indirizzo - Teatro di Rifredi (Firenze) Via Vittorio Emanuele II, 303
    • Tel - 055 422 0361
    • Author -
    • Categoria -
    • Views - 31

IT’S MONK TIME!

Due notti con la musica di THELONIOUS MONK nel centenario della nascita.

Thelonious Monk è uno dei più importanti musicisti del Jazz. Il 10 ottobre si festeggeranno in tutto il mondo i 100 anni dalla sua nascita e celebrare degnamente il Monaco e la sua musica è un impegno doveroso, oltre che una grande gioia.

Considerato tra i primi creatori del jazz moderno e del BeBop, conCharlie Parker, Dizzy Gillespie, Fats Navarro e Bud Powell, Monk ha sempre fatto in realtà scuola a parte, mai identificandosi totalmente con nessuno stile musicale, sempre diverso da chiunque nel suo personalissimo approccio.

Dotato di basi solidissime nelle radici nere del blues e del gospel, Monk sfodera un pianismo anomalo e geniale che prende lo spunto dallo strideper volareverso uno stile unico, virtuoso e primitivo al tempo stesso.

Autore di primissimo piano, ci ha regalato un songbook di straordinarie composizioni, ormai celebrate ovunque come alcune delle più belle eoriginali della storia del jazz, approdateormai da anni al rango di standarde pietra di paragone.

Brani come Pannonica, Epistrophy, Straight no chaser, Well you needn’t, Monk’s Mood, Brilliant Corners, Pannonica, In walked bud, Misterioso, Ruby my dear, Evidence e naturalmente Round Midnight, capolavori anomali e personalissimi, accattivanti e angolosi, densi e irresistibili.

Abbiamo chiamato per celebrare degnamente questo centenario due dei più brillanti continuatori del verbo monkiano, due maestri del pianoforte con ben pochi paragoni possibili, due virtuosi straordinari che hanno ben presente la lezione di Thelonious ma trasportano la sua musica in nuovi territori sonori, due pianisti dotati di una personalità e un carattere propri, capaci di volare verso vette e orizzonti sonori inesplorati.

Li abbiamo chiamati per cimentarsi con le musiche di Monk, e loro hanno di buon grado accettato la sfida.