MAJID KIANI

Il santur è una cetra trapezoidale di origine orientale molto antica e attualmente diffusa in Iran, Medio Oriente e Asia Centrale. È costituito da una cassa a forma di trapezio su cui sono tese le corde sollevate da ponticelli mobili di legno duro. Il santur si suona percuotendo le corde con due bacchette di legno con l’estremità ricurva. In Irak, Turchia e India del nord si usano bacchette abbastanza pesanti per sfruttarne il rimbalzo naturale per gli abbellimenti; in Iran si usano bacchette leggerissime e gli ornamenti si ottengono alternando i colpi destri e sinistri. L’apparizione del santur nella musica colta persiana è relativamente recente e non figura in nessuna rappresentazione antecedente all’epoca Qajar (XIX sec.). Majid Kiani è riuscito a far rivivere una tradizione pressoché scomparsa da una trentina d’anni, mediante la ricostruzione e la pubblicazione di tutto il repertorio tradizionale del santur.