MALIKA DOMRAN

Autrice, compositrice, interprete, Malika Domran ha soprattutto stupito per la forte personalità e per la particolare interpretazione della canzone kabyle, che fu al suo apice negli anni ’70. Canta in berbero, linguaggio di un popolo che non ha voluto desistere dal tener viva la tradizione culturale berbera. Da sempre oppressa, questa minoranza che abita una regione montagnosa ad est di Algeri, ricca di costumi, leggende e tradizioni antichissime, è da sempre costretta al silenzio: un popolo che denuncia il potere e cerca di riaffermare il valore della tolleranza e dell’Amazigh, l’uomo libero. Un popolo una voce, quindi, che lancia un grido, un appello impregnato di amore, sensibilità e sensualità. La voce più accreditata di questo popolo è proprio quella di Malika Domran, che canta in berbero la condizione femminile e le problematiche ad essa legate nel suo paese, lo spirito e il cuore della Kabylie libera.